Milano scambia Storia: L’assistenza ai senza tetto e l’origine degli asili notturni (1903-1905)

Economia e Sostenibilità, Urban Genoma, ASP Golgi Redaelli in collaborazione con Fondazione Triulza, Exponiamoci, Spirale d’Idee e con il contributo di Regione Lombardia invitano a partecipare ad un laboratorio gratuito. Insieme ricostruiremo una incredibile storia che ha reso Milano una capitale dell’accoglienza; i partecipanti potranno consultare alcuni antichi documenti dell’archivio ASP Golgi Redaelli.

Lorigine degli asili notturni: quando il Terzo Settore sperimenta nuove forme di accoglienza.
Il caso degli asili notturni a Milano ideati nei primi anni del ‘900 grazie al volontariato del Comitato per il ricovero notturno gratuito.. Il Comitato raccoglie l‘interesse e l‘opera di istituzioni diverse, tra le quali la Congregazione di carità, la Società Umanitaria e l‘Unione femminile.

Un laboratorio dedicato a scoprire come un modello di coalizione e intervento nato all’interno del Terzo settore milanese (ante litteram) verrà poi istituzionalizzato dal Comune di Milano

Il laboratorio si suddivide in due appuntamenti:
– il primo, giovedì 30 novembre dalle 15:00 alle 17:30 presso Società Umanitaria (MM3 Crocetta)
– il secondo, martedì 5 dicembre dalle 17:00 alle 19:30 presso Palazzo Archinto (MM3 Missori)
Ti aspettiamo per scoprire insieme questa incredibile storia!

Info e prenotazioni: EventBrite – Facebook
exponiamoci@assesta.it – tel 333.970.8028

www.urbangenoma.it

Milano Scambia Storia: Una cartolina da Vienna. Milano in aiuto dei bambini viennesi dopo la prima guerra mondiale – IL VIDEO

Con Economia e Sostenibilità, Urban Genoma, ASP Golgi Redaelli in collaborazione con Noi, Fondazione Triulza, Spirale d’Idee e con il contributo di Regione Lombardia abbiamo realizzato un laboratorio gratuito.per ricostruire un’incredibile storia che ha reso Milano una capitale dell’accoglienza.

Abbiamo consultato alcuni antichi documenti dell’archivio ASP Golgi Redaelli. Dopo lunghi anni di guerra l’Austria si trova in una situazione molto difficile, tanto da non poter soddisfare i bisogni primari della popolazione, ci sono pochi alimenti e a soffrirne sono soprattutto i bambini. Milano insegna l’importanza dell’accoglienza e della fraternità ospitando 500 bambini viennesi e fornendo loro cibo, cure mediche e istruzione.

ECCO IL VIDEO anche su YouTube https://youtu.be/Vv9Z0iXAl6Q

Milano Scambia Storia: Una cartolina da Vienna. Milano in aiuto dei bambini viennesi dopo la prima guerra mondiale

Economia e Sostenibilità, Urban Genoma, ASP Golgi Redaelli in collaborazione con Fondazione Triulza, Exponiamoci, Spirale d’Idee e con il contributo di Regione Lombardia invitano a partecipare ad un laboratorio gratuito. Insieme ricostruiremo un’incredibile storia che ha reso Milano una capitale dell’accoglienza. I partecipanti potranno consultare alcuni antichi documenti dell’archivio ASP Golgi Redaelli.

Dopo lunghi anni di guerra l’Austria si trova in una situazione molto difficile, tanto da non poter soddisfare i bisogni primari della popolazione, ci sono pochi alimenti e a soffrirne sono soprattutto i bambini.
Milano ci insegna l’importanza dell’accoglienza e della fraternità ospitando 500 bambini viennesi e fornendo loro cibo, cure mediche e istruzione.

Ti aspettiamo per scoprire insieme questa incredibile storia!

Info e prenotazioni: EventBrite – Facebook
exponiamoci@assesta.it – tel 333.970.8028

www.urbangenoma.it

I canali di Milano – Il VIDEO

 
Ecco il video che racconta un esperimento. 
 
su invito, alcuni soggetti del terzo settore lombardo e milanese hanno fatto da “early adopter” di un modello che “porta in superficie” la storia diffusa sul territorio, con l’idea che il passato sia una risorsa per arricchire il presente e imbastire riflessioni relative all’immediato futuro.
 
Al test è seguito un momento di riflessione e valutazione del modello.
 
I temi storici – ma attuali – affrontati sono stati:
  • la storia dell’acqua nella città (riapertura Navigli),
  • la storia delle ricostruzioni post belliche e la pianificazione urbana (scali ferroviari, ex area expo);
  • la storia delle forme di accoglienza sociale (flussi migratori e nuove povertà);
  • la storia della mala a Milano (le trasformazioni della criminalità).
Dopo il primo test si sono svolti alcuni tour aperti per coinvolgere la città e ripensare la città e discutere del suo futuro.
 
Il racconto è visibile anche qui su YouTube https://youtu.be/x-skzKrWa6A
 

Milano dentro e fuori i musei

Test, su invito, per  alcuni soggetti del terzo settore lombardo e milanese.
Tutti faranno da “early adopter” del modello.
Il modello “porta in superficie” la storia diffusa sul territorio, con l’idea che il passato sia una risorsa per arricchire il presente e imbastire riflessioni relative all’immediato futuro.
Al test seguirà un momento di riflessione e valutazione del modello.
I temi storici – ma attuali – che affronteremo, anche in seguito, sono:
– la storia dell’acqua nella città (riapertura Navigli),
– la storia delle ricostruzioni post belliche e la pianificazione urbana (scali ferroviari, ex area expo);
– la storia delle forme di accoglienza sociale (flussi migratori e nuove povertà);
– la storia della mala a Milano (le trasformazioni della criminalità).
Se siete interessati scriveteci, vi coinvolgeremo a partire dai prossimi tour aperti.

Vogliamo coinvolgere la città per ripensare la città e discutere del suo futuro.

R2T2-Missione su Marte

il giorno 02-11-2016 si è svolta in Cascina Triulza un’esperienza unica di cooperazione didattica internazionale, con l’obiettivo di programmare e guidare sedici Robot Thymio per “riattivare” una stazione di ricerca su Marte danneggiata da un meteorite.

Insieme a 

Stripes Cooperativa Sociale Onlus

Fondazione Triulza

Exponiamoci, l’Assemblea dei soci in Cascina Triulza

Milano, 4 giugno 2015 – Gli spazi di Cascina Triulza, Padiglione della Società Civile all’interno di Expo, hanno ospitato l’Assemblea dei soci di Exponiamoci, la rete di associazioni nata per rappresentare esperienze e buone pratiche, capacità e conoscenze maturate dalla società civile sul tema: “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.

L’incontro ha affrontato i principali argomenti legati alla diffusione e alla promozione degli eventi organizzati e promossi dalle associazioni di Exponiamoci. Alla prima uscita della newsletter di exponiamoci, seguirà nei prossimi giorni anche l’attivazione dei canali social (facebook e twitter) per la condivisione diretta degli eventi. Il confronto si è poi incentrato su quello che sarà il quadro del dopoExpo e le prospettive con cui la presenza del Terzo Settore in Expo potrà continuare ad alimentare di contenuti e iniziative il sito espositivo e Cascina Triulza anche al termine dei sei mesi di apertura.

Inaugurazione ufficiale di Cascina Triulza

Dopo avere partecipato il 1 Maggio all’inaugurazione ufficiale di Expo Milano 2015 con una parata artistica multietnica, Fondazione Triulza ha voluto aprire ufficialmente le porte del primo Padiglione della Società Civile incontrando oggi in Cascina Triulza i 62 fondatori, i partecipanti al programma culturale e i principali partner sostenitori del progetto.

Silvio Silvotti, Presidente di Fondazione Triulza ha ringraziato i fondatori, partecipanti e partner per la fiducia e l’impegno, sottolineando l’opportunità che rappresenta Expo 2015 per avviare nuove alleanze per il futuro.

Il nuovo Segretario Generale di Fondazione Cariplo, Sergio Urbani, ha ricordato come Fondazione Cariplo abbia creduto fin da subito nel progetto di Fondazione Triulza per permettere di valorizzare le esperienze, le voci e valori del Terzo Settore e della società civile all’interno di Expo Milano 2015.

“La nostra partecipazione dentro Cascina Triulza è una scelta valoriale convinta, per portare a Expo Milano 2015 i valori del territorio, della persona, dell’inclusione “, ha dichiarato invece Maurizio Gardini, Presidente di Confcooperative all’inaugurazione del Padiglione della Società Civile di cui Confcooperative è official sponsor.

Cascina Triulza, la casa della Società Civile oltre Expo

“Per la prima volta nella storia dell’Esposizione universale la società civile e il mondo dell’associazionismo saranno attori protagonisti.Anche questo è un primato dell’Expo di Milano che dobbiamo rivendicare con orgoglio e consapevolezza”.

Con queste parole Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con delega a Expo Milano 2015 ha inaugurato il Consiglio Generale aperto di Fondazione Triulza, il network di organizzazioni del Terzo Settore che gestisce il Padiglione della Società Civile di Expo Milano 2015. Insieme a Sergio Silvotti, Presidente di Fondazione Triulza, sono intervenuti anche il Presidente di Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti, il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, il Presidente Consiglio Regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo e Fabrizio Sala, Assessore Regionale con delega per Expo 2015.

Maurizio Martina Stati Generali Società civile

Il ministro Maurizio Martina

 

 

 

Bilancio di due anni di attività, che hanno portato con successo all’organizzazione del Padiglione della Società Civile di Expo, e avvio di un Cantiere di Idee per realizzare un’agenda di impegni concreti e misurabili che la Società Civile vuole assumersi dopo la fine dell’Esposizione Universale: questi i contenuti condivisi con i rappresenti delle istituzioni, delle organizzazioni che fanno parte di Fondazione Triulza e di tutte associazioni e realtà che prenderanno parte al programma culturale del Padiglione.

Dopo l’esperienza di Expo Milano 2015 non può prescindere dalla destinazione di Cascina Triulza, la struttura di proprietà del Comune di Milano che ospiterà il Padiglione della Società Civile nei sei mesi dell’Esposizione Universale.

Il Comune di Milano ha sempre creduto e sostenuto la presenza del Padiglione della Società civile a Expo 2015. Ma Cascina Triulza guarda già oltre Expo per continuare un cammino che sarà prezioso per la città di Milano. Il Cantiere di idee che avvia e che durerà per tutti i sei mesi dell’Esposizione, ne sarà lo strumento. Ed è in sintonia con quel che rappresenta Milano capitale della cooperazione in Italia – dichiara il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia – Le proposte concrete che usciranno dal Cantiere per una collaborazione fattiva tra realtà pubbliche, imprese private e Terzo settore con l’obiettivo di dar vita a nuovi modelli di sviluppo saranno un’eredità importante di Expo 2015. Cascina Triulza resterà a futura memoria di questo impegno prezioso. E, come ho sempre detto, il Comune di Milano è impegnato a mantenere quanto è stato ipotizzato fin dall’inizio: la sua destinazione futura al Terzo Settore. E’ tanta la strada che possiamo e dobbiamo fare insieme”.

Giuliano Pisapia Stati Generali Società Civile

Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia

 

 

 

Il futuro “post Expo” per Cascina Triulza e il Terzo Settore si costruisce insieme e l’Esposizione Universale è un’occasione per avviare un percorso comune, partecipato e costruito dal basso.

Con Cascina Triulza possiamo dare la giusta rilevanza alla società civile, durante Expo – dichiara il Presidente di Fondazione Cariplo Giuseppe GuzzettiLa sfida è di farlo in un ambito, come l’Esposizione Universale, dal quale la società civile avrebbe potuto rimanere esclusa, se non si fosse trovato il modo per declinare questo evento mostrando anche il volto del Terzo Settore, offrendo l’opportunità di confronto e per presentare iniziative da cui il mondo profit, e chi viene dall’estero, può perfino apprendere dalle buone pratiche dal nonprofit”.

Giuseppe Guzzetti Stati Generali Società Civile

Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo

 

 

 

Accanto al network del no profit, ogni attore della società ha il dovere di fare la sua parte e creare sinergie come ha sottolineato ilPresidente del Consiglio Regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo: “Il mondo del volontariato, liberato dai freni della burocrazia, sarà in grado di promuovere attività e iniziative in modo virtuoso. La Lombardia, terra ‘regina’ del volontariato, è pronta a generare sempre più gratuità ma anche le Istituzioni devono fare la loro parte: Stato, Regione e Comuni dovranno essere capaci di sostenere e valorizzare questa predisposizione”.

Raffaele Cattaneo Stati Generali Società Civile

Raffaele Cattaneo, Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia

 

 

 

Un cantiere di lavoro condiviso porterà la Società Civile oltre l’Esposizione Universale, creando un nuovo terreno di confronto e propositività per il no profit e per il Paese come ha sottolineato Sergio Silvotti, presidente di Fondazione Triulza: “Vogliamo uscire da Expo Milano 2015 con un’agenda di azioni concrete da realizzare, su temi precisi: ne sono stati individuati dodici, fra i quali la sovranità alimentare, lo sviluppo della capacità di resilienza delle agricolture locali, il ruolo del commercio e della finanza per garantire il diritto al cibo, il ruolo della donna nell’agricoltura e nell’alimentazione, per citarne solo alcuni. Sarà un grande e puntuale contributo che si aggiunge a quello che stiamo dando alla Carta di Milano”.

 

IL TERZO SETTORE PER I BIMBI: ARRIVA LA CALL CHILDREN LAB

Fondazione Triulza con Gruppo CAP lancia la call Children Lab: un’opportunità per le Organizzazioni del Terzo Settore che si occupano di bambini e ragazzi. Partecipando alla call, tali Organizzazioni possono essere selezionate per presentare le loro attività mettendole in pratica all’interno di Cascina Triulza, Padiglione della Società Civile di Expo Milano 2015.

Cascina Triulza è il Padiglione di Expo Milano 2015 con la maggior offerta di spazi per le famiglie, grazie a due aree dedicate rispettivamente ai piccolissimi da 0 a 4 anni ed ai bambini dai 4 ai 10.

La call è aperta alle organizzazioni della società civile nazionali ed internazionali che operano per fini mutualistici e solidaristici (associazioni, cooperative, enti non profit, ecc.), anche in forma aggregata. Possono partecipare anche le organizzazioni con finalità di lucro ma solo in partnership con una o più organizzazioni della Società Civile. La call è aperta fino al 31 marzo 2015 e i risultati delle selezioni saranno resi noti entro il 10 aprile.